Brexit: pronte le modalità di riconoscimento delle prestazioni assistenziali

Fornite le istruzioni operative in materia di riconoscimento di prestazioni assistenziali, a sostegno della famiglia, di inclusione sociale e di invalidità civile ai cittadini del Regno Unito residenti in Italia alla data del 31 dicembre 2020, in applicazione dell’Accordo di recesso (WA) e a seguito del termine del periodo di transizione (INPS – circolare 18 ottobre 2021, n. 154).

Il Regno Unito ha negoziato con l’Unione europea un accordo sulle modalità del recesso, al fine di garantire la protezione sociale reciproca dei cittadini dell’Unione europea e del Regno Unito, nonché dei relativi familiari e la tutela, senza soluzione di continuità, dei diritti acquisiti in materia di sicurezza sociale.

L’Accordo ha previsto un periodo di transizione, dal 1° febbraio 2020 al 31 dicembre 2020, durante il quale il diritto dell’Unione europea ha continuato ad applicarsi al Regno Unito con gli stessi effetti giuridici prodotti negli Stati membri.

A riguardo:

– l’INPS con la circolare n. 16/2020 ha fornito le istruzioni operative, relativamente al suddetto periodo di transizione, in materia di prestazioni pensionistiche e a sostegno del reddito, legislazione applicabile, distacchi di lavoratori all’estero, recuperi di contributi e prestazioni indebite, chiarendo, in particolare, che le disposizioni in commento si applicano ai cittadini dell’Unione europea e del Regno Unito, nonché ai loro familiari e superstiti, che sono o sono stati soggetti, rispettivamente, alla legislazione del Regno Unito e dell’Unione europea e/o risiedono, rispettivamente, nel Regno Unito o nell’Unione europea;

– in data 24 dicembre 2020, l’Unione europea e il Regno Unito hanno sottoscritto un accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione (Trade and Cooperation Agreement o TCA).

Il suddetto accordo stabilisce che gli Stati membri e il Regno Unito coordinano i rispettivi sistemi di sicurezza sociale a norma del Protocollo sul coordinamento della sicurezza sociale (Protocol on social security coordination o PSSC), costituente parte integrante del medesimo accordo, e delle relative disposizioni di applicazione contenute nell’Allegato SSC-7 del medesimo Protocollo.

Il TCA e l’annesso protocollo PSSC costituiscono quindi la base giuridica sulla quale si fondano i rapporti di collaborazione tra l’Unione europea e il Regno Unito per i cittadini che non hanno esercitato il diritto alla libera circolazione entro il 31 dicembre 2020.

Con riferimento all’ambito di applicazione degli accordi, il WA trova applicazione anche nei confronti:

– dei cittadini del Regno Unito che hanno esercitato il diritto di soggiorno in conformità del diritto dell’Unione in uno Stato membro prima della fine del periodo di transizione e che continuano a soggiornarvi dopo la fine del periodo di transizione;

– dei cittadini del Regno Unito che sono soggetti alla legislazione di uno Stato membro alla fine del periodo di transizione, nonché loro familiari e superstiti, del medesimo accordo.

Tuttavia, il WA continua ad applicarsi ai cittadini dell’Unione europea residenti nel Regno Unito prima del 1° gennaio 2021 e ai cittadini britannici residenti in uno Stato membro prima di tale data. I diritti connessi al soggiorno dei cittadini del Regno Unito in uno Stato membro dell’Unione europea prevedono che:

– i cittadini dell’Unione europea e i cittadini del Regno Unito e i loro familiari hanno il diritto di soggiornare nello Stato ospitante, che non può stabilire limitazioni o condizioni all’ottenimento, al mantenimento o alla perdita dei diritti di soggiorno;

– se lo Stato ospitante ha scelto di non prescrivere ai cittadini dell’Unione o ai cittadini del Regno Unito, ai loro familiari e altre persone che soggiornano nel suo territorio di chiedere il nuovo status di soggiorno quale condizione di soggiorno legale, le persone idonee a beneficiare di un diritto di soggiorno hanno il diritto di ricevere, alle condizioni previste dalla direttiva 2004/38/CE, un documento di soggiorno, eventualmente in formato digitale, corredato di una dichiarazione attestante che esso è stato rilasciato in conformità del presente accordo;

– ogni cittadino dell’Unione europea o cittadino del Regno Unito che soggiorna, in base all’Accordo, nel territorio dello Stato ospitante gode di pari trattamento rispetto ai cittadini di tale Stato (il beneficio di tale diritto si estende ai familiari di cittadini dell’Unione europea o di cittadini del Regno Unito che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente).

Sulla base del quadro normativo delineato, devono considerarsi equiparati ai cittadini dell’Unione europea i cittadini del Regno Unito residenti nel territorio nazionale entro il 31 dicembre 2020, i quali mantengono i diritti connessi al soggiorno legale in Italia anche per il periodo successivo a tale data e non devono costituire un nuovo status di soggiorno, ai fini dell’accesso alle prestazioni di assistenza sociale o al mantenimento delle prestazioni già in godimento.

Tale criterio si applica ai fini del riconoscimento del diritto alle seguenti prestazioni:

– prestazioni assistenziali a sostegno della famiglia (assegno di natalità, bonus asilo nido e contributo per l’introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione, premio alla nascita, assegno temporaneo, ecc.);

– assegno sociale;

– prestazioni di invalidità civile (invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità);

– prestazioni di inclusione sociale e contrasto alla povertà (reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, reddito di emergenza, reddito di libertà).

Pertanto, qualora nei confronti dei suddetti cittadini risulti accertato il requisito della residenza anagrafica entro e non oltre il 31 dicembre 2020 (attraverso le verifiche automatizzate sull’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente – ANPR o altri archivi anagrafici), non dovrà richiedersi l’esibizione di ulteriori titoli di soggiorno legale diversi da quelli già posseduti a tale data.

Diversamente, nei confronti dei cittadini del Regno Unito non residenti nel territorio nazionale entro il 31 dicembre 2020, che presentino istanza per le citate prestazioni, si applicano le disposizioni dettate in materia di documenti di soggiorno per i cittadini extracomunitari.

Ai cittadini del Regno Unito legalmente soggiornanti in Italia, e ai loro familiari, possono essere riconosciute le suddette prestazioni assistenziali, ove gli stessi risultino in possesso di tutti gli altri requisiti previsti dalla legge italiana per ognuna di esse.

A partire dal 1° gennaio 2021, i cittadini britannici che risultano residenti in Italia alla data del 31 dicembre 2020, possono richiedere presso la Questura di residenza un documento di soggiorno in formato digitale.

Le informazioni per il rilascio del suddetto documento sono contenute nel vademecum realizzato dal Ministero dell’Interno e disponibile sul sito web del medesimo Dicastero.

In linea con le indicazioni fissate a livello di Unione europea, il nuovo documento digitale garantisce un più agevole riconoscimento dei diritti previsti dall’Accordo di recesso in favore dei cittadini britannici che hanno fissato la loro residenza in Italia prima del 31 dicembre 2020, fatta salva in ogni caso l’applicazione nei loro confronti della normativa vigente in materia di diritto di soggiorno e diritto di soggiorno permanente (art. 19, D.Lgs. n. 30/2007).

I diritti acquisiti prima del recesso dall’Unione europea sono garantiti dal WA e non dal possesso del suddetto documento, potendo i cittadini britannici dimostrare di essere legalmente residenti in Italia entro il 31 dicembre 2020 anche tramite altri validi documenti di riconoscimento di cui risultino titolari.

Operai Agricoli Forlì – Rimini: nuovi salari in vigore dall’1/10/2021

Si riportano le tabelle salariali in vigore dall’1/10/2021 per gli operai agricoli e florovivaisti della provincia di Forlì-Cesena e Rimini, come modificate per effetto dell’accordo di rinnovo del CIPL firmato il 28/9/2021

Le tabelle retributive sotto riportate, applicabili agli operai agricoli e florovivaisti della provincia di Forlì e Rimini, contengono gli aumenti retributivi previsti dal Verbale di accordo 28/9/2021.

Tabelle salariali valide dall’1/10/2021 dipendenti di società agricole private Forlì Cesena e Rimini

 

O.T.I. SALARIATI FISSI

Livelli Aree inquadramenti

Par. CPL

Salario contrattuale al 30/9/2021

CPL 1/10/2021 aumento 1,7%

Totale salario 1/10/2021

Generi in natura congelati

Totale lordo 1/10/2021

Tratt. prev.le %

Scatti aumento 5%

LIV. 10 SPEC 188 1.786,18896 30,36521 1.816,55417 14,97725 1.831,53142 9,64 12,78231
LIV. 9 SPEC 184 1.742,67661 29,62550 1.772,30211 14,97725 1.787,27936 9,64 12,78231
LIV. 8 SPEC 173 1.639,62686 27,87366 1.667,50052 14,97725 1.682,47777 9,64 12,49826
LIV. 7 SPEC 171 1.619,99161 27,53986 1.647,53147 14,97725 1.662,50872 9,64 12,49826
LIV. 6 QUAL 161 1.524,80231 25,92164 1.550,72395 14,97725 1.565,70120 9,64 11,93015
LIV. 5 QUAL 157 1.487,74370 25,29164 1.513,03534 14,97725 1.528,01259 9,64 11,93015
LIV. 4 QUAL 154 1.460,51490 24,82875 1.485,34365 14,97725 1.500,32090 9,64 11,36205
LIV. 3 QUAL 151 1.433,94068 24,37699 1.458,31767 14,97725 1.473,29492 9,64 11,36205

O.T.D. AVVENTIZI

Livelli Aree inquadramenti

Par. CPL

Salario contrattuale al 30/9/2021

CPL 1/10/2021 aumento 1,7%

Totale salario 1/10/2021

Elem.

30,44%

Totale lordo 1/10/2021

T.F.R. 8,63%

Tratt. Varie InpsCacCimia – Euro a giornata

LIV. 10 SPEC 188 10,56917 0,17968 10,74884 3,27195 14,02079 0,92763 8,84%+0,20+0,31
LIV. 9 SPEC 184 10,31170 0,17530 10,48699 3,19224 13,67924 0,90503 8,84%+0,20+0,31
LIV. 8 SPEC 173 9,70193 0,16493 9,86687 3,00347 12,87034 0,85151 8,84%+0,20+0,31
LIV. 7 SPEC 171 9,58575 0,16296 9,74871 2,96751 12,71621 0,84131 8,84%+0,20+0,31
LIV. 6 QUAL 161 9,02250 0,15338 9,17588 2,79314 11,96902 0,79188 8,84%+0,20+0,31
LIV. 5 QUAL 157 8,80322 0,14965 8,95287 2,72525 11,67813 0,77263 8,84%+0,20+0,31
LIV. 4 QUAL 154 8,64210 0,14692 8,78902 2,67538 11,46439 0,75849 8,84%+0,20+0,31
LIV. 3 QUAL 151 8,48486 0,14424 8,62910 2,62670 11,25580 0,74469 8,84%+0,20+0,31
LIV. 2 COM 132 7,39632 0,12574 7,52206 2,28971 9,81177 0,64915 8,84%+0,20+0,31
LIV. 1 COM 108 6,10910   6,10910 1,85961 7,96871 0,52722 8,84%+0,20+0,32
NON PROF 100 5,56202 0,09455 5,65657 1,72186 7,37844 0,48816 8,84%+0,20+0,31

Personale dei servizi di linea CCNL Autoferrotranvieri : Una tantum a ottobre

Spetta, col la busta paga di ottobre, la prima tranche di  una tantum per gli autoferrotranvieri impiegati in misura almeno pari all’80% della propria attività nei servizi di linea non soggetti a obblighi di servizio pubblico

Per il personale In forza a tempo indeterminato al 17/6/2021 impiegato nel periodo gennaio 2018/dicembre 2020 in misura almeno pari all’80% della propria attività nei servizi di linea non soggetti a obblighi di servizio pubblico, in considerazione del particolare e perdurante stato di crisi economico/finanziaria del settore, la cifra una tantum sarà erogata in tre rate da erogarsi la prima con la retribuzione di ottobre 2021 (Euro 200,00 lordi), la seconda con la retribuzione di aprile 2022 (Euro 200.00 lordi) e la terza con la retribuzione di luglio 2023 (Euro 280,00 lordi).

L’una tantum
– verrà rapportata ai mesi di effettiva prestazione (computando mese intero la frazione superiore ai 15 giorni) svolta nel periodo 2018/2020;
– sarà riproporzionata nei casi di lavoro part-time, sulla base dell’orario convenuto nei contratto individuale;
– verrà erogata anche al personale a tempo determinato in forza alla data di sottoscrizione del verbale 17/6/2021. Per questi lavoratori, l’una tantum verrà rapportata ai mesi di effettiva prestazione (computando mese intero la frazione superiore ai 15 giorni) svolta all’interno del periodo 2018/2020 nell’ambito del contratto a termine in atto alla data del 17/6/2021, ivi comprese eventuali proroghe,
– non ha alcun effetto o incidenza su tutti gli istituti contrattuali e di legge e non rientra nella base di calcolo del T.F.R. e della contribuzione ai Fondo Priamo.

 

Una tantum a copertura del periodo 1/1/2018 – 31/12/2020

 

Figure professionali

Param.

Una tantum per il personale impiegato almeno 80% della attivita in servizi di linea non soggetti ad obblighi di servizio

Ottobre 2021

RESP. UNITÀ AMM.VA / TECNICA COMPLESSA 250 285,71
PROFESSIONAL 230 262,86
CAPO UNITÀ ORGAN.Va AMM.Va / TECNICA 230 262,86
COORDINATORE DI ESERCIZIO 210 240,00
COORDINATORE 210 240,00
COORDINATORE FERROVIARIO (Pos.2) 210 240,00
CAPO UNITÀ TECNICA 205 234,29
COORDINATORE DI UFFICIO 205 234,29
COORDINATORE FERROVIARIO (Pos.1) 202 230,86
SPECIALISTA TECNICO / AMMINISTRATIVO 193 220,57
ADDETTO ALL’ESERCIZIO 193 220,57
CAPO STAZIONE 193 220,57
ASSISTENTE COORDINATORE 193 220,57
TECNICO DI BORDO 190 217,14
MACCHINISTA (Pos.4) 190 217,14
CAPO OPERATORI 188 214,86
MACCHINISTA (Pos.3) 183 209,14
OPERATORE DI ESERCIZIO (Pos.4) 183 209,14
OPERATORE CERTIFICATORE 180 205,71
COORDINATORE DELLA MOBILITÀ 178 203,43
COLLABORATORE DI UFFICIO 175 200,00
OPERATORE DI ESERCIZIO (Pos.3) 175 200,00
OPERATORE TECNICO 170 194,29
ADDETTO ALLA MOBILITÀ 170 194,29
MACCHINISTA (Pos.2) 165 188,57
CAPO TRENO (Pos.3) 165 188,57
OPERATORE QUALIFICATO (Pos.2) 160 182,86
OPERATORE DI GESTIONE 158 180,57
OPERATORE DI ESERCIZIO (Pos.2) 158 180,57
OPERATORE DI MOVIMENTO e GESTIONE 158 180,57
CAPO TRENO (Pos.2) 158 180,57
OPERATORE QUALIFICATO DI UFFICIO (Pos.2) 155 177,14
ASSISTENTE ALLA CLIENTELA 154 176,00
MACCHINISTA (Pos.1) 153 174,86
OPERATORE QUALIFICATO DELLA MOBILITÀ 151 172,57
OPERATORE F.T.A. (Pos.2) 145 165,71
OPERATORE DI STAZIONE (Pos.2) 143 163,43
OPERATORE QUALIFICATO DI UFFICIO (Pos.1) 140 160,00
OPERATORE DI ESERCIZIO (Pos.1) 140 160,00
OPERATORE QUALIFICATO (Pos.1) 140 160,00
CAPO TRENO (Pos.1) 140 160,00
OPERATORE DI STAZIONE (Pos.1) 139 158,86
OPERATORE DELLA MOBILITA’ 138 157,71
CAPO SQUADRA OPERATORI DI MANOVRA 135 154,29
OPERATORE DI SCAMBI CABINA 135 154,29
OPERATORE DI UFFICIO 130 148,57
OPERATORE DI MANUTENZIONE 130 148,57
COLLABORATORE DI ESERCIZIO 129 147,43
OPERATORE DI MANOVRA 123 140,57
CAPO SQUADRA AUSILIARI 121 138,29
OPERATORE GENERICO 116 132,57
AUSILIARIO 110 125,71
AUSILIARIO GENERICO 100 114,29

INPS: da novembre aggiornati i codici contratto

l’Inps, con il Messaggio 18 ottobre 2021, n. 3531, comunica l’aggiornamento da novembre 2021, dei nuovi Codici contratto all’interno del flusso Uniemens.

L’Inps con il messaggio 18 ottobre 2021, n. 3531, istituisce, con decorrenza dal periodo di paga novembre 2021, i seguenti nuovi codici dell’elemento <CodiceContratto> della sezione <PosContributiva> del flusso di denuncia Uniemens:

– 593, relativo al “CCNL impianti sportivi e attività sportive – CONFLAVORO PMI, FISE, ASI, MSA, CNS LIBERTAS, FIS” (codice CNEL H07A);
– 594, relativo al “CCNL imprese di autotrasporto merci, logistica e spedizioni – FEDERTERZIARIO” (codice CNEL I14N);
– 595, relativo al “CCNL concia pelli e cuoio – FEDERCONCIA” (codice CNEL B104).

Con decorrenza novembre 2021, inoltre, vengono disattivati, i seguenti codici contratto:

– 290 (CNEL F017) in quanto relativo a contratto confluito nel “CCNL per i dipendenti dalle piccole imprese edili ed affini CONFAPI ANIEM” (codice 069 – CNEL f018);
– 302 (CNEL F04A), 303 (CNEL F027), 304 (CNEL F037) in quanto relativi a contratti confluiti nel “CCNL dei materiali da costruzione” (codici 096, 098, 189 – CNEL F020);
– 321 (CNEL H02F), 500 (CNEL V169), 501 (CNEL A058) 502, (CNEL V908) in quanto relativi a contratti che risultano cessati nell’Archivio nazionale dei contratti collettivi di lavoro.

Incentivi allo Smart Working nelle micro e piccole imprese friulane

Fino al 29/10/2021 è possibile richiedere i contributi per lo sviluppo di modalità di lavoro agile (smart working) nelle micro e piccole imprese friulane, per la definizione di piani aziendali, la formazione del personale e l’acquisto di adeguata strumentazione informatica – annualità 2020.

La Regione Friuli Venezia Giulia finanzia lo sviluppo di modalità di lavoro agile (smart working) nelle micro e piccole imprese, attraverso contributi a fondo perduto per la definizione di piani aziendali, la formazione del personale e l’acquisto di adeguata strumentazione informatica.
Possono beneficiare dei contributi di cui al presente bando:
– MICRO IMPRESE: 0-9 occupati, fatturato massimo 2ML
– PICCOLE IMPRESE: 10-49 occupati, fatturato massimo 10ML
– LAVORATORI AUTONOML
– COOPERATIVE E LORO CONSORZI
Ogni operazione prevede le seguenti tipologie d’attività:

AZIONE A
servizio di consulenza e formazione finalizzato alla definizione, adozione e sperimentazione di un Piano straordinario di smart working (in coerenza con le esigenze di distanziamento sociale per evitare il contagio del COVID-19;

AZIONE B
– acquisto di “strumenti tecnologici” funzionali all’attuazione del piano di smart working.
– hardware: notebook (i.e. computer portatile); tablet;
– software funzionali allo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità smart working.

Ai fini dell’ammissibilità a finanziamento, l’Azione A è obbligatoria e l’Azione B è facoltativa.
E’ ammissibile a finanziamento la presentazione di un’unica operazione per soggetto proponente. Sono ammissibili le operazioni realizzate esclusivamente all’interno del territorio della Regione Friuli Venezia Giulia.